Viaggiare in aereo: quali servizi sono disponibili?

L’Unione Europea, attraverso il Regolamento CE n. 1107/2006, ha disposto in tutti gli aeroporti comunitari delle regole comuni che prevedono un’assistenza dedicata e completamente gratuita, con lo scopo di garantire la libera circolazione senza discriminazioni.

A seconda delle differenti necessità e bisogni di un passeggero PRM (Passeggeri con disabilità o a mobilità ridotta), sono stati individuati una sorta di “codici” universali che permettono agli addetti aeroportuali, alle agenzie di viaggio, ai tour operator ed alle compagnie aeree di identificare correttamente il servizio necessario ed offrire al passeggero la miglior esperienza di viaggio possibile.

Vediamole insieme:

BLND: passeggeri ipovedenti o ciechi;
DEAF: passeggeri con disabilità uditiva;
DPNA: passeggeri con disabilità cognitiva o comportamentale;
WCHR: passeggeri che non possono percorrere lunghe distanze, ma possono salire e scendere le scale e muoversi in autonomia;
WCHS: passeggeri che non possono percorrere lunghe distanze e non possono salire e scendere le scale, ma sono autonomi a bordo dell’aeromobile;
WCHC: passeggeri completamente immobili, che non sono autosufficienti a bordo dell’aeromobile e necessitano di assistenza totale.

carrozzina in aereoporto

È molto importante in fase di prenotazione essere il più chiari possibile e non aver timore di chiedere consiglio. I vantaggi di una richiesta di assistenza ben pianificata sono indubbiamente a doppio senso, faciliteranno il lavoro del personale aeroportuale, mitigheranno eventuali ritardi al volo e semplificheranno di gran lunga il vostro viaggio.

Un altro “codice” di sicuro interesse, oltre ai sei sopra citati, è quello definito MEDA.
Ai passeggeri che soffrono di determinate patologie, che hanno recentemente subito operazioni chirurgiche o che hanno riportato fratture, viene richiesto di compilare un MEDIF (Medical Information Form). Il MEDIF verrà valutato attentamente dai medici della compagnia aerea che daranno il loro benestare, o meno, a seconda della gravità della situazione e delle regole di compagnia, sull’idoneità al volo.

Vediamo ora insieme alcuni passaggi da tenere a mente durante la fase di pianificazione di un viaggio.

area attesa in aereoporto

PRIMA DEL VOLO: FASE DI PRENOTAZIONE

Se prenotate in agenzia di viaggio o tramite tour operator, potete comunicare la vostra richiesta di assistenza direttamente a loro.
Saranno infatti loro a supportarvi e a fare da intermediari con la compagnia aerea, sarà poi quest’ultima ad avere l’obbligo finale di trasmettere l’informativa agli aeroporti coinvolti nel vostro viaggio.

Se invece prenotate il volo direttamente sul sito internet della compagnia aerea, sarà vostro compito contattare la compagnia (telefonicamente, via chat o via e-mail) e richiedere il tipo di assistenza di cui avete bisogno. Un addetto al servizio clienti vi aiuterà a definire correttamente il “codice” e vi fornirà tutti i dettagli necessari. Anche in questo caso, come nella situazione precedente, sarà poi obbligo della compagnia aerea trasmettere l’informativa a tutti gli aeroporti coinvolti.

Il nostro consiglio è quello di presentare la vostra richiesta di assistenza al momento della prenotazione, così da avere tutto il tempo necessario per organizzare in massima tranquillità il volo e le eventuali richieste della compagnia aerea.

In alternativa, la maggior parte delle compagnie aeree consentono l’inoltro della richiesta di assistenza fino a 48 ore prima della partenza, al fine di garantire un’adeguata organizzazione del servizio.

Il servizio di assistenza aeroportuale, in linea di massima, non viene negato (salvo per motivi di sicurezza, come ad esempio nel caso di passeggeri MEDA, che come detto prima necessitano di valutazione medica da parte della compagnia) però, i tempi di attesa potrebbero essere lunghi e seccanti. Il personale addetto alla gestione PRM potrebbe essere infatti già impegnato con altri passeggeri regolarmente prenotati.
Tenete anche sempre in considerazione l’aspetto “tecnico” della questione. Se, ad esempio, viaggiate con sedie a rotelle elettriche o con concentratori d’ossigeno, la compagnia aerea deve dare propria autorizzazione e conferma tecnica che gli ausili non rientrino nelle categorie di merci pericolose non consentite al trasporto aereo.

Per questo motivo, presentandovi all’ultimo, l’attesa si dilungherebbe notevolmente e, se l’attrezzatura non dovesse essere idonea al trasporto aereo, non potrete imbarcarla…ma di questo parleremo approfonditamente in un altro articolo qui sul blog.

documento identità

IN AEROPORTO: LA PARTENZA

All’esterno ed all’interno dell’aerostazione sono previsti dei punti di chiamata, segnalati in modo chiaro ed accessibile.

Dopo la vostra chiamata verrete accolti ed assistiti dagli addetti aeroportuali. Vi accompagneranno, se lo desidererete, in ogni fase della vostra permanenza in aeroporto: operazioni di check-in, controlli doganali e di sicurezza, imbarco, accompagnamento al posto a sedere (se richiesto).

È molto importante presentarsi in aeroporto entro l’orario comunicato dalla compagnia aerea, dall’agenzia di viaggi o dal tour operator.

interno aereo

A BORDO: DURANTE IL VOLO

Una volta a bordo spetta alla compagnia aerea, in questo caso all’equipaggio, fornire la corretta assistenza.

Ogni compagnia aerea stabilisce regole precise e, per questo motivo, preferiamo non dare suggerimenti specifici, per quelli vi rimandiamo ai siti interne delle singole compagnie (vi lasciamo i link alla fine di questo articolo).

In linea di massima però, l’assistenza a bordo dell’aereo prevede:

  • Il trasporto in cabina (se le dimensioni lo permettono) dei cani da assistenza riconosciuti (anche di questo parleremo in maniera più approfondita in un altro articolo);
  • Il trasporto gratuito degli apparecchi medici e fino a die dispositivi di mobilità (limitatamente alle dimensioni delle stive dell’aeromobile e al trasporto di merci pericolose);
  • La comunicazione, in formati accessibili, delle informazioni essenziali legata al volo;
  • La realizzazione di ogni ragionevole sforzo al fine di attribuire i posti a sedere tenendo conto delle esigenze del passeggero, e del suo accompagnatore, se presente (questo nel caso in cui in fase di check-in non fosse stato possibile, ma vi invitiamo a chiedere direttamente agli addetti check-in, in modo da facilitare la sistemazione a bordo), nel rispetto delle disponibilità e dei requisiti di sicurezza.
pista atterraggio aereo

IN AEROPORTO: L’ARRIVO

Certamente! Se l’assistenza è stata prenotata correttamente vale anche per l’aeroporto che vi accoglierà, sia che siate in transito presso un altro scalo, sia che abbiate raggiunto la vostra destinazione finale.

Un addetto alla gestione dei PRM vi assisterà durante la fase di sbarco dall’aeromobile. Vi accompagnerà all’interno del terminal e, in caso di transito, espleterà con voi le fasi relative al nuovo imbarco.

Nel caso, invece, abbiate raggiunto la vostra destinazione, dopo lo sbarco vi assisterà durante gli eventuali controlli documentali in arrivo e vi accompagnerà a recuperare i vostri bagagli.

Fateci sapere se avete curiosità in merito all’assistenza ed ai servizi disponibili in aeroporto, o se desiderate condividere con noi la vostra esperienza. Saremo molto felici di parlarne insieme.

Vi lasciamo di seguito i link ai siti internet delle principali compagnie, vi porteranno direttamente alla sezione dedicata all’assistenza:

https://www.lufthansa.com/it/

https://www.ryanair.com/it/

https://www.flytap.com/it-it/

https://www.emirates.com/it/

https://www.easyjet.com/it/

https://www.airfrance.it/IT/it/

https://www.klm.com/travel/it_it//index.htm

1 commento su “Viaggiare in aereo: quali servizi sono disponibili?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su